Truffa a Brooklyn, blogger italiana: “New York peggio di Napoli”

Angelo Forgione Laura è un’attrice e blogger italiana, proveniente dal Settentrione e residente a New York, e scrive delle sue esperienze nella Grande Mela. Il suo blog VivereNewYork ha un buon seguito nella comunità italiana, ed è proprio lì che qualche giorno fa ha raccontato del regalo ricevuto per San Valentino dal marito, anch’egli italiano: una confezione di un costoso profumo acquistato nel negozio Sephora a Brooklyn. Scartato il pacchetto, è venuta fuori una boccetta completamente vuota, un tester per i clienti rimpacchettato. E sapete qual’è stata la sentenza di Laura? “New York peggio di Napoli.”

leggi dal VivereNewYork

profumo_newyork

Autori del Sud reinseriti nei programmi scolastici

Angelo Forgione La Commissione Cultura alla Camera ha approvato la risoluzione del Movimento 5 Stelle per il reinserimento degli autori meridionali del Novecento inopinatamente esclusi dalle indicazioni ministeriali della riforma scolastica firmata dall’ex ministra della Pubblica Istruzione Mariastella Gelmini. Autori di spicco come  Sciascia, Quasimodo, Serao, Ortese, Rea, Bufalino e Vittorini saranno riportati ad essere oggetto di studio nei licei.
Resta il forte interrogativo di fondo: per quale motivo in un Paese che si ritiene civile è necessaria una risoluzione in Parlamento per riconsegnare alla sua Letteratura un pezzo importante qual è la nobile tradizione del Mezzogiorno? E perché il mondo della Cultura non ha sottolineato a dovere tale manomissione?

Avviso per i lettori

L’aggiornamento del blog subisce un rallentamento a causa dei lavori per la chiusura della scittura del prossimo libro. Si tratta di un saggio a carattere storico-sociologico-antropologico che indaga sulle cause delle differenti performance sportive dei movimenti calcistici del Nord e del Sud d’Italia, e delle cause che le hanno generate, inquadrate nell’ottica del divario interno italiano, con approfondimento delle dinamiche che regolano il “dietro le quinte” del nostro Calcio, su cui convergono la politica e la finanza nazionale.

Come nasce la pizza fritta napoletana

Angelo Forgione Tratto da La Radiazza (Radio Marte), una mia breve ricostruzione delle origini della pizza fritta napoletana classica, simbolo dell’arte di arrangiarsi partenopea in tempi di stenti post-bellici.

Il “pentimento” di Pino Daniele: «Sono scivolato nel commerciale. Ora basta!»

Angelo ForgioneLo “speciale Pino Daniele” di Unici (Rai Due) andato in onda il 3 febbraio (guarda la puntata) ha attinto per la sua quasi totalità al primo periodo napoletano, restituendo i contorni dell’artista creativo e sfrenato, diverso da quello del secondo periodo italiano. Pino Daniele era un cavallo di razza, un puledro che aveva bisogno di frustate di napoletanità per galoppare. E poi volle aprirsi al mondo della musica italiana, con cui però, pur traendone popolarità, non riuscì che a trottare. Negli ultimi tempi aveva capito di essersi fatto divorare dallo “star-system” e di essersi reso troppo commerciale, lui che aveva rivoluzionato la musica napoletana con un sofisticato linguaggio musicale fatto di ricerca e sperimentazione sul campo. Ed è chiara una sua riflessione artistica espressa in una recente intervista a Red Ronnie (nel video a 1:21), in cui aveva confidato di voler tornare a fare Musica, a Suonare. «La musica per me era un codice – disse freudianamente il blues-man - …è un codice…». Di quel codice parla anche Federico Salvatore nella canzone-denuncia Se io fossi San Gennaro: “Chiederei a Pino Daniele che fine ha fatto ‘Terra mia’, ‘Siamo lazzari felici’, ‘Quanno chiove’, ‘Appocundria’, ‘Napule è na carta sporca, Napule è mille paure, ‘Ma pe’ cchiste viche nire so’ passate ‘sti ccriature’. Non era solo un codice linguistico con cui Pino si fece cifra di un sentire tutto napoletano ma più ampiamente musicale. L’aveva chiuso in un cassetto da troppi anni, e non ha avuto il tempo di recuperarlo per tornare ad esprimersi come un tempo.