TGR Piemonte, servizio razzista durante Juventus-Napoli

Non si trovano definizioni per il servizio andato in onda durante la partita Juventus – Napoli nel TG regionale del Piemonte. L’unica che viene in mente è “razzista”.
L’edizione delle 19:30 inizia poco prima che la squadra juventina segni i due goal che stendono il Napoli. Gian Franco Bianco aggiorna sul risultato di 0-0 e introduce un servizio firmato da Giampiero Amandola, giornalista della testata regionale piemontese della RAI, che si era recato ai cancelli dello Juventus Stadium per ascoltare le due tifoserie. Tra i tanti interventi, vengono fuori due clamorose perle. Prima due giovani che urlano ai microfoni la frase razzista “o Vesuvio lavali tu” che viene serenamente inserito nel montaggio come se fosse un normale e innocuo sfottò. Poi lo scivolone ancora peggiore di Amandola cui uno juventino spiega che i napoletani sono ovunque perchè sono «un po’ come i cinesi»; seguono eloquenti risatine sarcastiche e, cosa ben più grave, la gravissima osservazione del giornalista che afferma «li distinguete dalla puzza, con grande signorilità». E il tifoso, compiaciuto dell’assist insperato: «molto elegantemente, certo». Stavolta la risatina è del giornalista.
Un servizio del genere, sia pur rivestito di una comoda ironia, diffonde pessimi ideali nei telespettatori, soprattutto tra i più giovani. Ed è inconcepibile che un giornalista spalleggi l’ignoranza dei tifosi, ma ancor più inconcepibile che il direttore di redazione possa accettare la messa in onda di un siffatto montaggio.
In attesa di punizioni sia al Napoli per gli ingiustificabili danni da reazione procurati dai suoi tifosi (se confermati e reali) che alla Juventus per gli incessanti cori razzisti provocatori, ci attiveremo per denunciare il fatto agli organi competenti e chiederemo ai colleghi della redazione Rai di Napoli di chiedere spiegazioni a quella di Torino, alla quale è possibile segnalare l’indignazione all’indirizzo di posta elettronica redazione.torino@rai.it, ritenendola responsabile di cattiva informazione e diffusione di ideali razzisti, pratica deontologicamente scorretta. Giornalisti e redazioni avrebbero il compito di denunciare, non di fomentare.

il videoclip montato contiene parte del servizio integrale che è disponibile sul sito della TGR e che per correttezza segnaliamo.

Annunci

34 thoughts on “TGR Piemonte, servizio razzista durante Juventus-Napoli

  1. I ‘minus habens’ intervistati lasciano il tempo che trovano.
    È l’atteggiamento di chi li sta intervistando che lascia trasparire la cultura bigotta e provinciale di quest’Italia malata.

  2. Pingback: Al Tg Piemonte vanno in onda frasi come “i napoletani li riconosciamo dalla puzza”.

  3. ho scritto una mail di protesta alla redazione,sono rimasto scandalizzato nel vedere una testata giornalistica della rai divulgare queste interviste alimentate addirittura da un loro inviato.

  4. Ignoranti e razzisti gli intervistati ma ancora più ignorante e razzista il direttore del tgr e quella spece di giornalista. Il primo perchè ha permesso la messa in onda di questo servizio, il secondo perchè lo ha realizzato.

  5. Ma pltre che a noi napoletani il servizio e’ pffensivo anche nei confrpnti del popolo cinese per cui io lo sottoporrei alla attenzione del consolato cinese e del ministero degli rsteri italiano.

  6. secondo me sarebbe meglio ignorare tutto ciò poichè la stampa torinese e del nord in generale non aspetta che le nostre reazioni per additarci come persone che non fanno altro che piangersi addosso in ogni situazione, quini o li ignoriamo oppure qua ci vuole solo la guerriglia poichè questi “idioti” non hanno la civiltà per distinguere gli sfottò dal razzismo,quindi ogni tipo di contatto civile è inutile.Come si dice da noi, ” A lavà a cap’ o ciuccio’ se perd’ o tiempo, l’acqua e o’ sapone! “Dobbiamo essere superiori a tutte queste provocazioni sia dei tifosi avversari che della stampa che non fa altro che alimentare quest’odio per fare audience o per vendere i giornali! Siamo Napoletani e fieri di esserlo e come cantano loro “noi non siamo napoletani” noi dobbiamo solo rispondere “E meno male”!!!!!
    Ciao a tutti! e Forza Napoli

  7. accetto tutto..ma schifo i nostri “concittadini” che tifano per questa MERDA!!!!!! FORZA NAPOLI SEMPRE… E voglio dire che noi siamo tifosi veri..loro che tifano per la Merda sono e saranno sempre di seconda mano…poi se guardiamo la geografia forse di settima mano…..forza Napoli.

  8. Ignorare è fuori discussione, la cosa più grave di questo servizio è che tenta di sdoganare il razzismo facendolo passare per una goliardata. A maggior ragione dobbiamo far sentire la nostra voce, perché si capisca che simili bestialità non sono degli allegri sberleffi ma si tratta di becero razzismo.

  9. E’ VERO, SPERO PROPRIO CHE FARETE LA DENUNCIA. RACCOGLIAMO LE FIRME, IN MODO CHE LA DENUNCIA SIA DI PIU’ SPESSORE. E’ UNA VERGOGNA COME VIENE TRATTATO IL POPOLO NAPOLETANO.

  10. Ma come?! Una redazione del TG3, che si è sempre distinto per prendere le parti degli sfruttati, basta parlare male dei palestinesi e ti azzannano al collo, invece qui sono loro stessi a fomentare, ad aizzare. In italia basta dare addosso al Napoletano e tutti d’accordo, tutti solidali,tra loro..
    Io mi chiedo, ma al presidente Napolitano, non gli vengono i brividi dietro la schiena quando vede e sente queste cose? Si racconta che Ciampi durante il suo mandato sia riuscito a rendere alla squadra del Livorno (sua città natale) la strada della serie A meno sdrucciolevole. Io a Napolitano chiedo solo di aprire gli occhi e le orecchie su questi fatti come quelli accaduti all’interno dello stadio,e richiamare Tosel ed il direttore del TG3 ad essere più presenti. Mai come in questo caso ci viene in aiuto la prova TV.
    Del giornalista che dire, conosce molto bene la deontologia legata alla sua professione, un asino così nemmeno il correttore di bozze potrebbe fare.

  11. Sono di origine napoletana e siciliana, dunque sono meridionale al 100 %. Tuttavia avete visto cos’è accaduto allo stadio di Torino al termine della partita? Il settore ospiti ha riportato ingenti danni. Purtroppo i tifosi napoletani sono conosciuti e odiati (non solo al nord) per la loro bestialità e inciviltà. Scavalcano i cancelli, cercano di entrare senza biglietto (e ti prendono per i fondelli se tu lo paghi) spaccano e rompono tutto quello che trovano. Non mi sembra che a Torino o Milano quando arrivano Catanesi o Palermitani (a parte i soliti imbecilli) ci siano grossi problemi di razzismo o di ordine pubblico. Quando invece si muovono i napoletani li accompagna sempre una scia di disordini. Ecco perchè molti ce l’hanno con i napoletani e sinceramente non posso dargli torto.

    • 1° Punto Non Bisogna Dire Che Entriamo Allo Stadio Senza Pagare E Le Altre Cose Che Hai Detto Perche Questo Messaggio E Rivolto Solo A Poche Persone In Quanto La Maggior Parte Dei Napoletani Sono Persone Civili E Oneste E Si Comportano Da Tali… 2° Punto E Intollerabile Il Fatto Di Discriminare Il Popolo Napoletano Per La PUZZA…Adesso Mi Dovete Dire Chi E Che Puzza A Napoli? Se La Gente Puzza A Napoli Puzza Anche A Torino Perche Penso Che Sia Sempre Italia E C’e Lo Stesso Concetto Di Pulizia Anche Se Nel Video E Chiaro Che Napoli E In Generale Il Sud Abbia un Concetto Piu Avanzato Di Pulizia…E Con Questo Chiudo Il Discorso E Mi Auguro Che Nel Calcio Ci Sia Fratellanza Tra Tifosi E Non Fare Di Una Squadra Un Motivo Di Discriminazione E Di Razzismo Verso Una Città Che Fa Parte Del Proprio Paese…
      RIMANE IL FATTO CHE IO NON MI SENTO ITALIANO, MA PARTENOPEO…

      • per essere più precisi bisogna dire che: “la Città (Napoli) E’ STATA COSTRETTA CON LA VIOLENZA E L’INGANNO a far parte del proprio paese”.
        Perfettamente d’accordo sui contenuti e, principalmente, su quanto espresso all’ultimo rigo.
        Un abbraccio, fratello PARTENOPEO!

  12. Ritengo veramente indegno il giornalista che ha fatto il servizio e, allo stesso modo, indegna la redazione che lo ha trasmesso.
    Da figlio di napoletani, pur se tifoso juventino, non ho gradito gli atteggiamenti dell’informazione né alcuni dei cori sentiti allo stadio (ero presente).
    Tuttavia ritengo che un blog che parli di Napoli e delle sue bellezze, della sua storia e delle sue tradizioni, dovrebbe anche farsi portavoce di qualcosa di ben piú importante, ed evidenziare, oltre ai lati positivi, anche quelli negativi e le criticità che spesso (nel caso del calcio) i tifosi napoletani evidenziano.
    Ho seguito la juve una decina di volte da quando é stato inaugurato il nuovo stadio, e vi assicuro che uno scempio come quello procurato alle strutture da parte dei tifosi partenopei non lo avevo mai visto, da parte di nessuna delle tifoserie, anche quelle piú “calde”, che sono state ospiti allo Juventus Stadium.
    Con questo voglio solo dire una cosa: il rispetto, oltre che dovuto, va anche meritato…quindi mi aspetto che blog come questo (ben vengano), cerchino anche di stigmatizzare oltre che indignarsi, sia per l’immagine di Napoli che, soprattutto, per il bene ed il decoro comune.
    Ribadisco che, con questo scritto, non intendo giustificare ció che é stato trasmesso dal TGR del Piemonte, che rappresenta una enorme caduta di stile del giornalismo, ma solo rappresentare il fatto che, a volte, ci si possa aspettare di essere trattati in questo modo in conseguenza dei propri comportamenti censurabili.

    • Nessun comportamento può giustificare quanto detto. Sicuramente la tifoseria ha sbagliato e dovrà pagare, ma io non mi sento affatto rappresentata da 4 imbecilli che non hanno nulla di meglio da fare che distruggere uno stadio. Napoletana e fiera di esserlo…e tengo a precisare che mi lavo più vole al giorno.

      • Giusto! Ma, per contro, nessun servizio giornalistico può giustificare quanto fatto…
        Ed infatti, se hai letto bene il mio intervento, io ho condannato il servizio, ho condannato i cori, ma ho esortato questo blog ad evidenziare anche i lati negativi. Quei lati negativi che fanno sì che si dicano certe cose nei confronti dei napoletani che NON GIUSTIFICO (ribadisco) ma non mi meraviglia che ci siano, e la cosa mi amareggia alquanto viste le mie origini.
        Nel video che è stato pubblicato da Angelo in risposta a quello di TGR Piemonte, infatti, non si fa altro che parlare bene dei Borboni e male dei Piemontesi, quindi si risponde ad una denigrazione con un’altra denigrazione, e non è certo così che si combattono i pregiudizi. Purtroppo, però, questo è un comportamento di molti napoletani (e ti assicuro che ne conosco moltissimi visto che nella mia infanzia trascorrevo sempre dai nonni il periodo estivo), e siccome ci sono quelli più incontrollabili ecco che accadono gli episodi che sono successi allo stadio, ed i cori denigratori non possono giustificarli…
        Ovviamente conosco anche molti nordici che parlano male dei meridionali per partito preso e senza neanche conoscerne uno, ed anch’essi sono da condannare.
        Qui, però, entreremmo in un contesto diverso, che prende spunto da altre motivazioni che non sto qui ad elencarti per non essere troppo prolisso nel mio intervento.
        Concludo dicendoti che a fianco a me allo stadio, c’era un tifoso che, con spiccato accento napoletano, cantava a squarciagola il ritornello del Vesuvio…

  13. Il giornalista è stato sospeso! Ma non mi basta! Sono stufa di essere “dipinta” in questo modo, addirittura da un TG regionale, la stessa regione che ha rovinato il mio bellissimo, ricco e civile Regno…e lo fa ancora! Per la serie “cornuti e mazziati”, ed io non parlo da tifosa, il calcio non mi piace, parlo da partenopea!

  14. Il cognome puo’ presagire…..anche se non sono di Napoli e neanche campano, non posso esimermi dal fare un applauso sul video ‘intimo’, semplicemente meraviglioso e di una intelligenza rara, molto rara di questi tempi. Mandatelo in rai.(minuscolo perche li devo pure pagare ‘sti somari’). Facitm stu chiascer ja’

  15. Caro Angelo,
    scusami ma devo proprio intervenire perchè a questo punto non capisco, sono confuso, dopo questo ennesimo pugno in faccia tu continui a restare nell’alveo dell’italianità, scusa ma dovresti deciderti, siamo Italiani o Siamo DuoSiciliani o Napolitani, Terroni, Briganti e chi più ne ha più ne metta.. Cosi stiamo facendo solo confusione e non otteniamo nulla, come abbiamo visto. Bisogna schierarsi mio caro, prendere posizione, nonostante Napoli e il sud ti debbano essere grati per tutto ciò che fai e hai fatto ma non si può stare con due piedi in una scarpa, o siamo Italiani e meridionali, Napoletani, puzzolenti, incivili, terroni, cafoni, cinesi, zingari, mafiosi, camorristi, etc… etc.. e allora non ci lamentiamo più per favore perchè tanto non serve a nulla, oppure si prende atto di come stanno le cose, si ammette che non vi è più l’amor patrio per una Nazione nella quale non ci riconosciamo più e allora deve emergere l’indifferenza e allo stesso tempo la reazione ad ogni azione ricevuta, cosa significa non rispondere alle provocazioni? Le belle parole lasciano il tempo che trovano e il servizio del TGR Piemonte ne è la prova provata che l’atteggiamento buonista non ha pagato. Esprimo tuttavia tutto il mio apprezzamento per ciò che fai e ti esorto a non fermarti mai e scusa il mio sfogo.
    (Orgoglio Azzurro)

    • Non ho capito bene il tuo discorso…stai quindi dicendo sì alla secessione come sostiene la Lega Nord?
      Oppure stai dicendo: “Se ci trattano male ripaghiamoli con la stessa moneta”?
      Al di là di questo, comunque, credo che il caso di un singolo giornalista idiota non debba essere strumentalizzato. La RAI ha sbagliato e chiederà scusa, il giornalistà pagherà con una sanzione disciplinare e il caso dovrebbe essere chiuso.
      Se poi vogliamo che il calcio e i suoi tifosi rappresentino lo specchio della società, beh, allora vuol dire che vogliamo a tutti i costi fare una guerra, ma a questo punto bisogna, oltre che pretendere rispetto, anche darne, e non mi pare che i tifosi del napoli, nello specifico, siano stati di esempio in questo.
      Da frequentatore degli stadi, comunque, ti assicuro che sfottò di questo genere (pure molto più pesanti) vengorno riservati anche ai tifosi di altre squadre, nel caso della Juve, in particolare, i tifosi di Torino e Fiorentina vengono apostrofati anche più pesantemente.
      E lo stesso accade in stadi diversi nei confronti della Juve o, comunque, di ognuna delle squadre ospiti.
      La verità è che va cambiata la mentalità del tifo che, più che essere a favore della propria squadra, è contro l’avversaria.
      E questo è specchio della politica…se ci fai caso, più che parlare dei propri programmi elettorali, si criticano quelli degli avversari di turno, chiunque essi siano, e si bocciano leggi, anche se magari buone, solo per il fatto di essere all’opposizione.

    • Sono perfettamente d’accordo con Orgoglio Azzurro!
      Angelo deve decidersi ad andare oltre!
      L’anno scorso proposi ad Angelo, tramite questo meraviglioso blog, di lanciare una sottoscrizione tra noi blogger avente una piccola quota sociale mensile a mezzo della quale poter agire di querela contro tutti questi pezzi di bip che no perdono occasione per, gratuitamente e non, provocarci e offenderci.
      Il provento derivante dalle querele servirebbe quale autoalimentazione economica del movimento di difesa di Napoli così costituito.
      Non ho ricevuto manco un commento da parte di Angelo!
      Ritengo, comunque, questa mia proposta molto valida ed ancora attuale.
      Saluti
      Walter

  16. Commentare forbitamente, con l’ausilio addirittura del dotto Angela, i miseri cori dei cosiddetti tifosi iuventini (tra cui purtroppo, come si vede dalle facce dei più facinorosi inquadrati dalle telecamere del Tg3 Piemonte, molti “terroni” rinnegati che sono i peggiori, quelli che hanno più voglia ed anche necessità,sentendosi particolarmente brutti, sporchi e cattivi, di rifarsi una presunta verginità ripudiando le loro radici ) è come voler mettere un confetto in bocca ad un porco. Quei cori vanno semplicemente ridicolizzati, e non commentati come se fossero tesi da confutare, perchè sono del tutto incommentabili, o meglio commentano solo la qualità infima di chi li intona.

  17. Come potete ben vedere i miei interventi, come quelli di chi fa giustamente notare che in acluni casi bisognerebbe anche fare autocritica, hanno una prevalenza di pollici versi…e questo è emblematico del vittimismo del SUD nei confronti di chiunque provenga da altri luoghi.
    Si è pronti a strumentalizzare ogni accadimento per fomentare un’indignazione verso chi, a parere vostro, parla sempre male del SUD, indipendentemente dal fatto che ciò che dice (o, come nel mio caso, scrive) sia giusto o sbagliato. (Ovviamente non è il caso del servizio giornalistico che ha ispirato l’articolo che stiamo commentando, che, come ho già detto, è assolutamente da condannare).
    D’altronde anche Angelo nel suo articolo afferma: “In attesa di punizioni sia al Napoli per gli ingiustificabili danni da reazione procurati dai suoi tifosi (se confermati e reali)” (Ci sono le foto Angelo…sono reali eccome…).
    Bisogna svegliarsi e dimostrare le cose con i fatti, non solo con le parole, ed i fatti non stanno nelle indignazioni o nelle rivolte, ma nel senso civico e soprattutto nel “buonsenso” civico.
    E’ facile parlare di sole, mare e belle canzoni. Più difficile è ammettere che al Sud le istituzioni sono carenti e le persone che “aprono il cuore” ai forestieri lo fanno condividendo dei privilgi che in altre parti d’Italia non si hanno.
    In Friuli, dopo il terremoto si sono rimboccati le maniche ed hanno ricostruito, al Sud ci sono ancora le “case sgarrupate” i cui proprietari, magari, hanno già incassato le quote stanziate per far fronte all’emergenza.
    Un sacco di meridionali vincono i concorsi al Nord e poi si mettono in malattia finchè non ottengono il trasferimento al Sud, magari facendo, per anni, un giorno di lavoro ogni sei mesi per non perdere il diritto allo stipendio. (e così i soldi per i concorsi si spendono al Nord, e al Sud non resta che vidimare i trasferimenti).
    Queste sono solo alcune delle cose che al Sud si dovrebbero sistemare prima di reclamare nei confronti del Nord quella uguaglianza che, invece, si reclama solo per alcune cose (peraltro effimere, come lo smettere di offenderne gli abitanti).
    Il Nord ha un debito di riconoscenza nei confronti del Sud, visto che le industrie sono fiorite proprio grazie al lavoro degli immigrati, e per questo vorrebbe aiutarlo a fiorire, ma si trova di fronte a muri di omertà e clientelismo che rendono ogni sforzo vano.
    Al di là di Bossi (figura che serve per trascinare le masse e coinvolgere i meno acculturati), nelle fila della Lega Nord ci sono menti pensanti e politici con le palle, che lottano proprio perchè ci sia uguaglianza tra Nord e Sud, magari utilizzando termini forti come “secessione” (che servono appunto a dar risalto e a provocare reazioni), ma questo, ai residenti al Sud, non è mai apparso chiaro.
    Non ho mai votato Lega Nord in vita mia, ma alcuni dei concetti di questo partito li capisco…

    Ed ora mi aspetto il record di pollici versi per questo scritto.

    • Le menti pensanti ed i politici con le palle che militano nella lega nord si chiamano Borghezio o Salvini?????
      E questi individui che voglio la secessione starebbero lottando per l’uguaglianza tra nord e sud?????
      Un partito che ha come slogan “PRIMA IL NORD” si starebbe preoccupando del SUD??????
      Il problema è che un partito che si preoccupa di solo un terzo dell’italia viene sovvenzionato con i soldi di anche gli altri due terzi del paese!
      Smettetela di fare critiche perchè di fannulloni, falsi ciechi, falsi invalidi, camorristi, ndranghetari, mafiosi………ci sono anche al nord e ……
      basta, adesso ci avete ROTTO IL CAZZO; ci offendete in maniera becera , stupida e gratuita ed invece di vergognarvi e scusarvi venite anche a farci la lezione e la morale!!!!!!!!

      • Perché allora la vecchia DC cos’era? Non era sempre vincente grazie ai voti del Sud? Eppure non si é mai parlato di sovvenzioni frazionate…Comunque lo capisco dato che, grazie ai vecchi politici stile De Mita, con il voto di scambio alla DC si trovava lavoro (ovviamente al Nord con successivo trasferimento). E le conseguenze le stiamo pagando ancora oggi…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...