Striscia la diffamazione

Nella puntata del 19 Dicembre di “Striscia la notizia” è stata mostrata un’utile simulazione per mettere in guardia i clienti dei grandi supermercati dalle truffe che si verificano nei parcheggi. Due attori fanno la parte dei ladri truffatori e altrettanti fanno la parte degli anziani e delle più comuni vittime. Purtroppo, sulla falsa riga della finzione del National Geographic, i malvagi ladri hanno accento napoletano mentre le povere vittime sono milanesi. Viva riprovazione per la violazione di ogni etica, deontologia e rispetto.

GUARDA IL VIDEO

per proteste: gabibbo@mediaset.it

Advertisements

6 thoughts on “Striscia la diffamazione

  1. Le mie rimostranze a striscia la notizia.

    Potreste rifare le scenette dei furti, con l’inversione dei dialetti?

    Sono un napoletano al quale 20 anni fa hanno rubato il portafogli nella metrò di Milano.

    Il poliziotto al quale presentai la denuncia così concluse: si vede che è stato un napoletano.

    Vogliamo smetterla?

    Fosse anche vero questo predominio napoletano.

    Si dovrebbe evitare di comunicare in questo modo la notizia.

    Converrebbe egualmente evitare di segnalare la provenienza del ladro, secondo la regione di nascita.

    Questo lo dico per il bene del nostro paese Nazione.

    Intanto questi fatti avvengono in danno di anziani e persone indifese per la loro semplicità.

    Serve quindi fare questo servizio di utilità sociale.

    Mantenetevi però neutrali sulle origini dei protagonisti, NON SERVE A NIENTE ALTRO CHE SPARGERE ODIO.

    Tanto rubano di più a Milano senza farlo per strada.

    Da noi rubano solo i poveracci, quelli di strada e i delinquenti.

    Nelle città del nord e nelle città del mondo rubano miliardi i galantuomini, gli industriali ed i politici.

    A me interessa invece proteggere gli anziani e i deboli.

    Quindi non vi sto chiedendo il silenzio.

    Questi servizi d’informazione sono utili.

    Così però non funzionano bene, perché non si può fare un vero servizio pubblico e continuo d’informazione in diffamazione di una delle nostre regioni.

    Nascono resistenze campanilistiche contro gli spot, che per se stessi sarebbero giusti e utili.

    Saluti da un vero napoletano perbene, che fa la differenziata e che ha un buon impegno sociale in vari ambiti della vita, da quando è nato ad oggi ,nella sua buona famiglia operaia napoletana.

    BUON NATALE A VOI TUTTI.

  2. Pingback: Scusate il “vittimismo” ma ci avete rotto il cazzo. Anche per Striscia i disonesti parlano napoletano.

  3. Purtroppo sono decenni che avviene in teòevisione, al ciema ed al teatro.
    I mariuoli, i portieri dei palazzi, tutti quelli che fanno mestieri umili hanno l’accento napoletano. I signori, i professionisti e gli industruiali hanno l’accento del nord italia.
    E putroppo a questo facile inganno si prestano anche registi e produttori molto vicini a noi. L’mportante è rendere il prodotto di gradimento della maggior parte del Paese. E questo è il modo più semplice. Poco importa se un intero popolo viene diffamato.

  4. Probabilmente erano napoletani in trasferta a milano per uno stage e discussione della tesi finale presso il Pirellone, li c’è l’università della truffa. Sono convinto che i nostri al rientro parleranno “lumbard” senza inflessione.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...