La coerenza di Emanuele Filiberto il revisionista

Angelo Forgione – In occasione della nomina di Emanuele Filiberto di Savoia ad ambasciatore della città di Pompei nel mondo ho spulciato in rete e pescato il frammento di un’intervista al principe di Marialaura Cucurullo per Metropolis Tv. Valeva la pena proporlo per le parole capaci di innescare un processo di ebollizione ematica:
«Dal ’46 non ci sono i Savoia in Italia e lei sa che la storia, dopo, è riscritta dai vincitori. C’è stata la stigmatizzazione di Casa Savoia, dicendo tante falsità su di loro, cercando di infangare il tutto. Oggi non si sa che nel refereundum ci sono stati i brogli e che la Repubblica è nata su quelle basi non molto stabili.»
Emanuele Filiberto ha perfettamente ragione, dice tutte cose giustissime, ineccepibili, compreso la questione del referendum che fu pilotato. Nulla da dire sulle sue osservazioni ma tanto sulla coerenza di un rampollo di una famiglia reale che ottantacinque anni prima aveva fatto esattamente lo stesso, riscrivendo la storia, stigmatizzando i Borbone e i meridionali tutti, dicendo tante falsità su di loro e infangando il Sud. Oggi non si racconta che, come per il referendum del 1946, i plebisciti del 1860 erano tutti pilotati con la forza delle armi, e che il Regno d’Italia, cioè l’Italia, è nata su quelle basi instabili e fraudolente. Piuttosto, si racconta che una pizza napoletana di fine Settecento è nata un secolo dopo in onore della trisnonna del principe ballerino.
Complimenti al nuovo ambasciatore di Pompei per la sfrontatezza adottata proprio ai microfoni di un’emittente partenopea.

Annunci

2 thoughts on “La coerenza di Emanuele Filiberto il revisionista

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...