San Gennaro Day ’14: serata di gala per la Napoli positiva

Angelo Forgione – Si è svolto sul gremitissmo sagrato della Cattedrale di Napoli il galà del premio “San Gennaro Day 2014”, l’evento diretto e presentato in maniera impeccabile da un brillantissimo Gianni Simioli (perfetto cerimoniere e grande aggregatore delle mille facce di Napoli) al quale ho preso parte in veste di premiatore di Ilenia Lazzarin. La kermesse, inaugurata da un intervento del filosofo Aldo Masullo e dal cardinale Sepe, ha richiamato centinaia di fans di Gigi D’Alessio (che ha suonato un medley) e ha celebrato le premiazioni anche di Paolo Caiazzo, Federico Salvatore, Lina Sastri, Franco Ricciardi, Giampaolo Morelli, i Manetti Bros, i Sangue Mostro, Angelo Schettino, i The Jackal, Gerardo Ausiello, Leandro Del Gaudio, Pascal Vicedomini e Leopoldo Mastelloni (premio alla carriera). Particolarmente significative, in chiave identitaria, le esibizioni donate ai presenti da Paolo Caiazzo e Federico Salvatore, due artisti che non si sono mai tirati indietro quando c’era da raccontare nei modi a loro più congeniali una storia e una realtà diversa. La serata ha avuto un momento di commozione quando al centro della platea sono intervenuti i genitori di Ciro Esposito, con la sua immagine sul maxischermo. Cinque minuti di applausi interminabili prima che i due chiedessero verità e giustizia.
Per Ilenia Lazzarin hanno parlato le sue stesse parole di amore per Napoli pronunciate nel videoclip mostrato alla platea. Prima di premiarla, ho sottolineato come gli inevitabili timori della diciottenne ragazza della tranquilla provincia settentrionale che si apprestava ad approdare a Napoli si siano presto sciolti (a proposito di prodigi) verificando la realtà, e ho evidenziato che pregiudizi e denigrazione nascono da chi non conosce gli altri popoli, mentre Ilenia incarna il valore dell’incontro che sgretola la disarmonia.
Federico Salvatore, interprete di una calzante Se io fossi San Gennaro, si è tolto ancora una volta il macigno dalle scarpe: «Dopo aver scritto e cantato questa canzone – ha detto l’artista – la televisione italiana mi ha sbattuto fuori e non mi ha fatto più lavorare, ma io oggi continuo a raccontare la verità nei teatri, e di questo ringrazio sempre e solo i napoletani». Il premio gli è stato consegnato da Gennaro De Crescenzo (movimento Neoborbonico), che ha evidenziato l’impegno e l’importante apporto dell’artista nel percorso comune di ricostruzione della coscienza del popolo napoletano e meridionale.

Advertisements

2 thoughts on “San Gennaro Day ’14: serata di gala per la Napoli positiva

  1. che dire di Angelo Forgione oltre quello che di buono scrivono di lui? in questo evento di santi c’era anche un ANGELO con sant’ambrogio e san gennaro. le parole giuste per Angelo Forgione le trovo sempre e comunque.è il vero primo cittadino di napoli. è colui che difende e supporta la nostra citta’da tutto e da tutti, quindi il massimo rispetto per il nostro Masaniello due punto zero. (sono bravo ad “abbabbiare”? non è vero scherzo, masaniello due punto zero pero’ lo vedo come titolo di un tuo lavoro) ciao

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...