Sarri-Higuain: il Napoli più forte della storia

Soccer: Serie A; Atalanta-NapoliAngelo Forgione Napoli in Champions League, direttamente e senza dubbi. Cala così il sipario della stagione della rimozione delle macerie lasciate dall’inatteso terremoto Benitez, sotto le quali era finito anche il calciatore che lo spagnolo aveva portato a Napoli dalla sua Madrid. Sembrava al capolinea l’avventura di Higuain all’ombra del Vesuvio, pronto a rinascere altrove. Pareva prospettarsi un ridimensionamento delle ambizioni azzurre, ancora costretti agli spiccioli dell’Europa League e alla scelta di un allenatore con cui crescere insieme nel tempo. Spuntò Maurizio Sarri dalle fortune della provincia toscana, e fu insospettabile alchimia con lo sguardo spento del Pipita, riacceso insospettabilmente unitamente alle attese del patron De Laurentiis e del suo nuovo braccio destro Giuntoli, cavato dalle buone sorti di un’altra provincia, quella emiliana.
Tutto apparentemente vicino al tracollo quando, ai primi giri di giostra, il nuovo umile Napoli arrancava nelle retrovie della graduatoria e l’insindacabile Sovrano, da Dubai, puntellava l’auspicio del cambio di rotta tecnica che veniva da buona parte della piazza. «No, il signor Sarri non è da Napoli… gli hanno fatto un regalo di compleanno enorme», sentenziò Maradona. La squadra continuò ad applicarsi attorno al suo tecnico, protetto dalla dirigenza, in silenzio e con certezza del lavoro intrapreso. E iniziò la scalata, fino al titolo platonico d’inverno, alle scuse del sommo campione e ai festeggiamenti ad ogni fischio finale sulle note del nuovo coro che andava velocemente ad eclissare (purtroppo) il canto identitario de ‘O surdato nnammurato.
Gioco spumeggiante, calciatori recuperati e patrimonio rivalutato a tempo di record. E profumo di scudetto crescente, fino alla sfida della stagione alla Juventus in quel di Torino, controllata a vista senza troppi timori ma persa per gli atavici limiti caratteriali, mostrati con maggior evidenza dopo il traumatico sorpasso, fino a mettere a rischio anche il secondo posto, mentre Higuain continuava a timbrare goal a raffica. Provato nella tenuta nervosa anche il bomber, e incappato in terra friulana nelle trappole dei direttori di gara. Tre partite al rosso e anche i suoi personali obbiettivi travolti dal dubbio e dalla paura di non essere raggiunti.
Al traguardo, il Napoli non ha vinto il tricolore ma ha centrato la qualificazione diretta in Champions, evitando una programmazione e una preparazione incerte. L’onere tocca alla Roma, favorita della vigilia insieme alla Juventus ma ora sfavorita dalle statistiche delle italiane ai preliminari europei, e non sarà semplice evitare a bianconeri e azzurri di dividersi il tesoretto Uefa del market pool destinato alla Serie A. Al traguardo, Higuain non ha vinto la Scarpa d’Oro, finita ai piedi di Suarez, che di centri ne ha colti 40 in 35 presenze, là dove di goal se ne producono in quantità industriale. Gonzalo ha toccato quota 36 in Italia, davanti a Cristiano Ronaldo (35) e però anche davanti a Nordahl, che il record assoluto italiano di 35 reti in 37 partite a girone unico lo deteneva da 66 anni. È un primato storico, targato NA, strappato con giusta soddisfazione a uno dei grandi club del Nord. È la magia del destino che lega gli argentini alla maglia azzurra e alla città che, più di ogni altra, li fa sentire a casa per natura. Il goal numero 36 di “Sudahl”, come in una favola, sotto la pioggia e tra i compagni che lo cercavano, è il più degno suggello d’autore, l’invenzione che è nell’aria e che solo i predestinati vanno a cogliere, la pennellata d’artista che cancella tutto e tutti. Il fromboliere sale sulla vetta e corre a prendersi l’abbraccio dei compagni, a darlo al suo allenatore, il vero segreto dell’Higuain più forte di sempre, venuto via da Madrid per sentirsi re. C’è riuscito.
Sì, la Juventus dell’ambizioso Andrea Agnelli ha portato a casa l’ennesimo tricolore partendo male ma poi volando sulle proprie capacità e sulle sue “fortune” storiche. Solo tal muro di sport e potere ha precluso al Napoli 2015/16 la vittoria raggiunta da quello di maradoniana memoria. Eppure è stato il Napoli più produttivo della storia, e lo dicono il gioco e i numeri. La media punti, di 2.15 a partita, è la più alta di sempre, superiore anche a quella del Napoli scudettato del 1989/90, a quota 2.11 nella conversione dei tre punti per vittoria. Silenziosamente, così Sarri, facendo meglio di Bigon, Mazzarri, Bianchi e Vinicio, ha dato la sua risposta all’insindacabile e insindacato mito che l’aveva bocciato. In modo più roboante, invece, Higuain ha ereditato lo scettro di Re di Napoli, facendo dimenticare Cavani (e non era facile) e Lavezzi. Gonzalo molto più vicino a Maradona che altri grandi fuoriclasse della storia azzurra. Di fianco al Pibe de oro, per goal segnati all-time, si accomoda Marek Hamsik, sfruttando la sua napoletanità di adozione: 9 stagioni partenopee e 81 reti.
Non è necessario essere vincenti per lasciare il segno nello sport, e ne sa qualcosa l’Olanda di Crujiff. Per l Napoli, si tratta della sesta volta nella sua storia al secondo posto. Si tratta del sedicesimo podio della vita sportiva azzurra. Si tratta della settima partecipazione consecutiva alle competizioni europee, record nazionale in fieri. Si tratta di un club che, al netto dei limiti caratteriali del suo proprietario e delle carenze strutturali interne ed esterne, è ben assestato nell’élite del Calcio italiano ma anche in quello europeo, molto più solidamente del Napoli di Ferlaino sotto il profilo finanziario. Eppure la piazza è divisa, in una sterile diatriba oppositiva nei confronti di uno scorbutico e tronfio presidente che opera in un territorio in cui è improbo fare impresa ad alti livelli, un imprenditore pieno di sé proprio perché consapevole di cosa voglia dire fare Calcio, e farlo al Sud. Una parte della tifoseria pretende di più, nella convinzione che sia solo la passione e l’ampiezza di seguito a determinare le opportunità di un club e non giunge a comprendere che le condizioni territoriali generano i più importanti vantaggi e limiti, a seconda dei territori in cui si operi. Un altro presidente, quello degli scudetti nati da sacrifici insostenibili, va predicando in tivù il rischio d’impresa, quello stesso rischio che egli stesso prese non sulla sua pelle ma su quella di un club e di una tifoseria che avrebbero poi pagato i trionfi con tre lustri di anonimato e un doloroso fallimento. È così che si alimentano le aspettative di chi non intende far tesoro dalle proprie tragedie sportive ma vuole solo vincere, non comprendendo che è giusto provare a vincere con la certezza di non uscire dal Calcio che conta. Questo Napoli c’è e ci resterà senza rischi, quelli che fanno tribolare persino le squadre di Milano e che hanno condannato la squadra di Parma.
Appuntamento al prossimo anno, difficile e stimolante. Ci sarà il palcoscenico della Champions League, un conto in sospeso ancora aperto dopo l’assurda, e mai vista, ultima eliminazione con 12 punti nella fase a gironi. Ci sarà da sgambettare Andrea Agnelli, dal giorno del suo insediamento assetato di quel record storico del nonno e di altri club strisciati da superare. L’ha solo eguagliato il rampollo di famiglia, e toccherà anche al Napoli cercare di evitare che lo batta, provando a ribaltare il potere, a inceppare il meccanismo sportivo-finanziario che regola la Serie A da sempre. Sarò una squadra del Sud a farlo, ma senza rischi. E se Dio vuole, prima o poi, trionferà. La torta è dolce. Manca la ciliegina. Il meglio deve ancora venire.

napoli_champions

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...